Formazione
Progettazione
Consulenza

«Uso flessibile del tempo». Pubblicata l’edizione aggiornata delle Linee guida dell’idea del Movimento Avanguardie educative

uso_flessibile_tempo_low

Durante l’emergenza sanitaria e la diffusione della DaD l’uso del tempo è diventato cruciale sia per l’organizzazione della didattica sia per la modulazione dei tempi di insegnamento/apprendimento. Anche se le Linee guida che presentiamo nella versione aggiornata non hanno ancora potuto prendere in considerazione i setting adottati dalle scuole (la revisione e integrazione erano ahimé in corso!), i 4 cluster cui fanno riferimento possono costituire 4 spunti per il ripensamento e la riorganizzazione delle scuole in vista del nuovo anno scolastico: «Compattazione delle discipline», «Compattazione tra discipline», «Compattazione delle discipline e riduzione dell’ora di lezione», «Flessibilità delle attività curricolari».

La versione aggiornata delle Linee guida dell’idea «Uso flessibile del tempo», frutto di un percorso di ricerca-azione nato con le esperienze sviluppate ‘sul campo’ da 11 scuole di ogni ordine e grado capofila dell’idea uniformemente dislocate da Nord a Sud della penisola, contiene indicazioni utili per dirigenti scolastici e docenti che desiderano implementare l’idea nelle loro scuole ed evidenzia aspetti positivi ed eventuali criticità che possono essere incontrate, consigli per risolverle sulla base di esperienze concrete e una descrizione attenta e puntuale dei processi organizzativi, gestionali e didattici.

Obiettivo comune dei percorsi di innovazione presenti nelle Linee guida è quello di rispondere a bisogni didattici ed educativi che riguardano non solo questo particolare momento storico ma anche quello di mettere in atto, diffondere e condividere buone pratiche a sostegno dei processi d’innovazione per il nostro sistema scolastico. 

Le scuole capofila dell’idea «Uso flessibile del tempo»:

Convitto Nazionale “Umberto I” – Torino (anche scuola polo regionale del Movimento)

IC “Bozzano” – Brindisi

IC “Quartiere Moretta” – Alba, CN

IC “Tina Modotti” – Moimacco-Premariacco-Remanzacco, UD

IC “Amerigo Vespucci” – Vibo Marina, VV

IIS “Ciuffelli-Einaudi” – Todi, PG

IIS “Luca Pacioli – Crema, CR (anche scuola polo regionale del Movimento)

IIS “Artigianelli” – Trento

IISS “Ettore Majorana” – Brindisi

ITE “Valentino De Fazio” – Lamezia Terme, CZ

Liceo classico “Giuseppe Parini” – Milano

Liceo linguistico e Istituto Tecnico Economico Statale “Marco Polo” – Bari (anche scuola polo regionale del Movimento)

> LEGGI E SCARICA LE LINEE GUIDA DELL’IDEA USO FLESSIBILE DEL TEMPO 2.0

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico

Oltre la Dad: il digitale a scuola come scelta

Parliamoci chiaro: il digitale non è una forzatura sanitaria, né una condizione emergenziale. La realtà è una, progressivamente “aumentata” dalla tecnologia. Rinunciavi significa rinunciare alla possibilità di sterzare il mondo verso la direzione che vogliamo. Per questo il digitale è una delle sette sfide che lanciamo alla scuola nel nuovo numero di VITA, intitolato “Ultimo appello” (tratto dal sito vita.it)

Leggi articolo

Hai bisogno di informazioni? Inviami un messaggio veloce.!

Iscriviti alla Newsletter e rimani aggiornato

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mi chiamo Emiliano Onori, sono insegnante di italiano e latino e formatore. Vivo nella provincia di Perugia ma insegno in quella di Arezzo. Leggi tutto

Skip to content