Design Didattico

Instructional Design & Media Education




Un esempio di Problem Based Learning in classe: “Piante a Rischio”

Category : Video Tutorial · by Lug 24th, 2016

Il Pbl (Problem Based Learning) è una metodologia didattica attiva, vale a dire centrata sul problema e sull’alunno (in singolo o in gruppo) che deve risolverlo. A differenza della lezione frontale, non viene spiegato un contenuto, piuttosto vengono dati alcuni (non tutti) gli elementi per risolvere un problema reale, la cui risoluzione porta ad apprendere altri concetti inizialmente non noti. E’ una metodologia che riscuote un certo successo poichè mette gli studenti al centro del proprio processo di apprendimento. Richiede di norma tempi lunghi (2 settimane) ed in essa la funzione del docente è più che altro quella del tutor o mentor.

Nell’esempio seguente si prospetta un problema reale di biologia: “Le piante a rischio: cosa fare per evitarne l’estinzione”

Emiliano Onori

designdidattico.com

info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

Share
SHARE :

(4) comments

maria
6 mesi ago · Rispondi

Si tratta di una metodologia veramente coinvolgente ,rende gli studenti protagonisti del loro percorso didattico.

    Emiliano Onori / Design Didattico
    6 mesi ago · Rispondi

    Assolutamente d’accordo!

Fabio
4 mesi ago · Rispondi

Grazie Prof.Onori
Insegnamento mediante informazioni verbali e visive, superlativo!
Davvero esaustivo e chiaro!
Ha, senza dubbio favorito, il mio “personal learning”!
Verrò spesso a cercala, virtualmente parlando, per ottenere aiuti concreti!
Gli esempi che lei propone riguardanti le metodologie didattiche mi permettono di entrare nel vivo, nel cuore delle lezioni!
(Lezioni che, prevedono, come risultato, far maturare abilità, per il discente, di apprendimento e quindi competenze sempre maggiori!)
I libri della “Edises” e della “Simone” sono assolutamente carenti di esempi, senza i quali alcune argomentazioni rimangono teorie generali, principi astratti e nn applicabili in un contesto reale!
Grazie e buon lavoro,
Fabio Silverj

    Emiliano Onori / Design Didattico
    4 mesi ago · Rispondi

    Grazie mille. Resto a disposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *