Design Didattico

Instructional Design & Media Education




Piuttosto che improvvisare Usiamo le Piattaforme delle Case Editrici

Category : Riflessioni · by Mar 2nd, 2020

In questi giorni di emergenza corona virus si intensificano le richieste di attivazione di piattaforme didattiche e di soluzioni “facili e possibilmente economiche” per le scuole. Nulla di male, si direbbe. In realtà queste improvvise richieste nascondono una insidia: credere che una piattaforma (sia essa Google Suite, Micorsoft Office, et al.) si possa allestire in pochi minuti. Nonostante l’indubbia facilità di certe procedure di attivazione (nemmeno lontanamente paragonabili a quelle che molti di noi hanno fatto con moodle et similia molti anni fa), non si può dire che l’implementazione di un learning management system sia immediatissima. E questo non tanto per ostacoli tecnici quanto per resistenze (e spesso incompetenze) degli operatori che dovrebbero usarle: docenti e discenti. Una piattaforma non è una app miracolosa che, al pari di instagram o tik tok, in pochi istanti illude l’utente di padroneggiarla.

Implementare una piattaforma significa formare i docenti, concepire la didattica in altro modo (non basta “elettrificare”), superare noie amministrative, essere competenti su temi come gdpr e privacy e, non ultimo, aver voglia di farlo al di là dell’emergenza del momento.

E allora: come superare l’impasse se non si hanno risorse, tecniche e culturali, per implementare un learning management system? A mio avviso una risposta, ed una risorsa, esiste già nelle scuole, e sono i contenuti multimediali dei libri di testo. Si, i cari libri di testo che oramai da qualche anno dispongono della loro “bella” (e meno “bella”!) controparte digitale.

Al momento non andiamo tanto per il sottile; gli esperti sanno benissimo che in alcuni casi la riduzione digitale dei libri è poco più che una semplice “digitalizzazione”, tuttavia al momento credo possa bastare. Ma perchè usare queste risorse? Ecco alcune risposte:

  • sono già pronte, gli alunni in altre parole le hanno già acquistate (sì, le hanno pagate!)
  • hanno il feedback del libro di testo (che in generale può essere un limite, al momento è forse una risorsa)
  • sono materiali “certificati” che nel 90% dei casi risultano più affidabili di tanta paccottiglia che si trova online (certo, certo, online ci sono risorse ottime e forse superiori ai libri di testo in termini scientifici, ma siamo sicuri che la stragrande maggioranza dei docenti sappia dove e come reperirle?)
  • sono materiali “completi” vale a dire offrono la stessa “esperienza utente” del libro (testo, video-se presente-, esercizi)

E allora, prima di avventurarsi in soluzioni improvvisate e probabilmente caotiche, non è forse meglio fare tesoro di quello che già si ha?

 

Emiliano Onori 

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico

 

Share
SHARE :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *