Formazione
Progettazione
Consulenza

Corsi Gratuiti G Suite: modalità di iscrizione. Chiarimenti

Cari colleghi scrivo questo articolo a seguito di alcuni fraintendimenti che negli ultimi giorni si sono verificati in merito alle modalità di iscrizione ad alcuni Corsi Gratuiti G Suite di cui sono formatore. Vediamo per punti:

  1. Ogni scuola decide le modalità di iscrizione e ha libertà di farlo. Ecco perchè alcune scuole scelgono solo di far iscrivere mediante SOFIA, altre mediante form che va confermato “dopo” tramite SOFIA, ed altre scelgono di inviare candidatura di iscrizione tramite mail. Ripeto: le scuole hanno la libertà di farlo, inutile discutere. Per altro la modalità con form preliminare, tanto criticata in questi giorni, è l’unica che dà modo ai docenti NON di ruolo di partecipare (tali docenti non hanno accesso a SOFIA)
  2. Ogni scuola decide il numero di partecipanti. Specie su Facebook sono nate polemiche inutili e strumentali secondo le quali, vista l’alta richiesta di formazione, bisognerebbe aprire a 100/200 corsisti. Come pensate si possa lavorare con 100 persone? Già con 50 è una fatica, con numeri superiori sarebbe impossibile. A meno di silenziare tutti i microfoni e di impedire interventi, ma allora tanto vale seguire un video di youtube (e ce ne sono tanti e ottimi)
  3. I posti finiscono presto, inutile lamentarsi. Abbiamo avuto oltre 1000 richieste per 50 posti, è ovvio che dopo qualche minuto dall’apertura delle iscrizioni i posti terminino, è una pura questione matematica.
  4. Non esistono le “preiscrizioni”, quindi è inutile scrivere alla scuola o al formatore per farsi riservare un posto, non è una modalità trasparente. Certo, la “corsa” all’iscrizione può non piacere a tutti ma ha una sua trasparenza, mi pare sia la soluzione migliore.
  5. Il formatore è un formatore, non un segretario, quindi tutte le questioni relative alle iscrizioni devono essere gestite dalla scuola che organizza la formazione. Io in questi giorni ho risposto a circa 700 persone in modo pressochè individualizzato, ma non avrò modo di farlo più quindi per questioni amministrative dovete scrivere alle scuole.
  6. Le date e i giorni dei corsi NON si possono cambiare per le singole esigenze, penso non ci sia bisogno di spiegarne il perchè.
  7. Se una scuola vuole organizzare una formazione unicamente per i propri docenti mi contatti tramite mail ufficiale della scuola (non fornisco informazioni a singoli) a info@designdidattico.com e spiegherò le modalità di attivazione dei corsi
  8. Stiamo facendo di tutto, veramente di tutto, per offrire una formazione di QUALITA’ (ecco il perchè dei 50 posti) e GRATUITA per i singoli docenti; è ovvio che di norma le scuole pagano i corsi ma nulla è dovuto ai docenti. Se volete ci sono online ottimi corsi a pagamento, ma quelli che qui cerchiamo di fare noi sono per ora GRATUITI
  9. I docenti NON di ruolo non sono esclusi a priori ma certamente se la scuola sceglie la modalità di iscrizione via SOFIA è ovvio che tale categoria non può partecipare
  10. I CORSI di formazione GRATUITI CONTINUERANNO (su G Suite e non solo). Non so dirvi quando e come ma vi assicuro che ce ne saranno altri, per restare informati iscrivetevi alle varie newsletter del mio sito oppure seguite la pagina Facebook di DesignDidattico.

Spero di aver fatto chiarezza su tutto. Mi spiace di cuore, credetemi, se qualcuno sia rimasto fuori ma vedrete che avremo tante occasioni di formazione future, alcune online (speriamo le ultime!) e molte altre in presenza (speriamo presto!)

Ringrazio per la stima tutti coloro che mi seguono.

 

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico

Oltre la Dad: il digitale a scuola come scelta

Parliamoci chiaro: il digitale non è una forzatura sanitaria, né una condizione emergenziale. La realtà è una, progressivamente “aumentata” dalla tecnologia. Rinunciavi significa rinunciare alla possibilità di sterzare il mondo verso la direzione che vogliamo. Per questo il digitale è una delle sette sfide che lanciamo alla scuola nel nuovo numero di VITA, intitolato “Ultimo appello” (tratto dal sito vita.it)

Leggi articolo

Hai bisogno di informazioni? Inviami un messaggio veloce.!

Iscriviti alla Newsletter e rimani aggiornato

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mi chiamo Emiliano Onori, sono insegnante di italiano e latino e formatore. Vivo nella provincia di Perugia ma insegno in quella di Arezzo. Leggi tutto

Skip to content