Design Didattico

Instructional Design & Media Education



Corso sul Digital Storytelling. Deruta (PG) Marzo-Maggio 2019

A partire da fine Marzo 2019  si terrà a Deruta presso istituto Mameli-Magnini un corso di formazione sullo Storytelling, dal titolo “Imparare con le Storie”.

L’approccio sarà totalmente laboratoriale, durante gli incontri infatti verranno costruite delle storie da riutilizzare in aula.

Il corso avrà una durata di 9h divise in 3 incontri da 3h ciascuno.

Non sono richieste specifiche competenze informatiche.

Il percorso formativo sarà certificato.

Il corso sarà tenuto da Emiliano Onori.

Per informazioni info@designdidattico.com

 

 

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

Storytelling Didattico: Insegnare ed Imparare con le Storie! Corso interamente online!

Dopo decine di corsi in presenza, continua online il

 

PIU’ COMPLETO CORSO SULLO STORYTELLING DIDATTICO!

Imparerai a PROGETTARE, REALIZZARE e VALUTARE un modulo didattico in DIGITAL STORYTELLING

 

-Adatto a docenti dalla infanzia alla secondaria 
– Oltre 3 ore di video TUTTI ORIGINALI ed ESCLUSIVI
– Esercitazioni pratiche, forum di supporto, attestato finale MIUR

 

In collaborazione con WIKISCUOLA
a cura di Emiliano Onori
Clicca qui per accedere alla pagina di wikiscuola ed iscriverti

Emiliano Onori (docente e formatore)

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico

Piattaforme Didattiche: quale scegliere tra Edmodo, We School e G Suite?

Negli ultimi anni si sono diffuse in tantissime scuole le piattaforme didattiche. Cosa sono? Semplice: dei siti web che, previa registrazione, offrono un sistema per la gestione della didattica (tecnicamente infatti parliamo di LMS: learning managment system). In origine era moodle, quasi solo moodle, oggi la varietà è molta molta di più.

Cosa si intende per “gestione della didattica”?

Rispondere a questa domanda significa entrare nel merito di ogni piattaforma, tuttavia alcune funzioni sono comuni a tutte. Ad esempio:

  • registrazione degli studenti
  • caricamento e download dei materiali
  • possibilità di effettuare quiz online

Queste le funzioni di base. Vediamo dunque che tali piattaforme non coincidono coi registri elettronici che, di norma, sono ancora degli strumenti più amministrativi (assenze, compiti, scadenze) che didattici.

Come districarsi tra le varie offerte?

Dicevamo, tanti anni fa c’era solo moodle, oggi la situazione è decisamente più varia e anche facile da gestire (il che non signfica che moodle sia superato!). Ogni piattaforma ha i suoi pro e contro e di seguito cercheremo di analizzarli, almeno limitatamente ai tre servizi oggi più diffusi: edmodo, google suite e we school. Diciamo subito che non esiste una piattaforma “migliore” in senso assoluto (sebbene alcune siano nettamente più complete di altre). Esiste piuttosto la piattaforma più aderente alle mie esigenze oppure alle esigenze del mio istituto. Ed è con questo spirito che andremo ad analizzarle.

Ma sono gratuite?

Premesso che il concetto di gratuito in senso lato non esiste (vedi Facebook), potremmo dire che tali piattaforme non richiedono il pagamento di una quota annuale/mensile, che è cosa ben diversa dal parlare di gratuità. In altre parole: tramite la pubblicità esse sostanzialmente rientrano nei costi oppure mediante sponsorizzazioni esterne all’utente finale.

Si devono installare?

Una volta le piattaforme richiedevano una installazione locale, il che significava che occorreva avere un server dedicato per assicurarne il corretto funzionamento. Ora tutte le piattaforme sono “altrove” cioè nel cloud (tecnicamente risultano istallate nei server delle aziende fornitrici), il che fa sì che l’installazione (e quindi la manutenzione) non sia richiesta. Un bel vantaggio non c’è che dire!

Richiedono competenze particolari?

No, rispondiamo subito e decisamente a questa domanda dicendo che il funzionamento base delle piattaforme è davvero molto immediato. Alcune tuttavia forniscono strumenti maggiormente avanzati (pensiamo al pannello amministratore di Google Suite) che richiedono competenze maggiori.

Vediamole ora nel dettaglio:

Edmodo

Questa piattaforma si è fatta apprezzare da oltre 10 anni. Riprende l’aspetto grafico di un blog e il cromatismo azzurro-avion di facebook. Ha funzionalità di base ma non limitate. Particolarmente apprezzata dai docenti dell’infanzia primaria anche per via delle modalità di iscrizione degli studenti (non richiede necessariamente la mail, per i docenti si). Ha una app mobile discretamente funzionante. Consente di creare svariate classi e di entrare in contatto con molti altri docenti che la utilizzano. Da qualche tempo la pubblicità al suo interno è piuttosto fastidiosa e invasiva.

Pro

  • Facile utilizzo
  • Non richiede mail agli studenti per l’iscrizione ma un semplice codice fornito dal docente
  • Permette di creare classi, oltre che di studenti, anche di genitori, che così possono monitorare l’attività dei fili
  • Dispone di app mobile intuitiva e gratuita
  • E’ in italiano

Contro

  • Ha funzionalità limitate (permette cioè di scrivere post, messaggi privati, brevi esercizi e una biblioteca virtuale)
  • Ha una pubblicità piuttosto invasiva
  • Non ha strumenti rapidi di ricerca dei contenuti inseriti (utile per ritrovare elementi inseriti mesi/anni prima)

Da considerare

  • Ogni docente può iscriversi senza il supporto di un amministratore e creare le sue classi
  • Se si hanno molte classi può divenire caotica

Google Suite

Qui parliamo niente meno di Google che mette a disposizione una vastissima gamma di propri servizi-app agli amministratori-scuole che ne faranno richiesta. Nato come servizio per le aziende (che vogliono usare gmail & co. al posto di un proprio dominio) per le quali è a pagamento. Google Suite non tradisce il proprio nome, vale a dire mette a disposizione una vera e propria gamma intera di servizi, alcuni dei quali notissimi (gmail, drive, youtube, calendar, foto, news, etc.), più altri specificamente dedicati alla didattica (classroom). Ha l’innegabile vantaggio di offrire la solita familiare grafica di google, tuttavia non può essere attivata dal singolo docente ma è la scuola che inoltra a google la richiesta per l’ottenimento del servizio, che viene gratuitamente concesso previa verifica di status no-profit (che le scuole ovviamente ottengono). Una volta ottenuto il nulla osta l’amministratore della scuola dovrà creare le utenze (di fatto degli account gmail che fungono da passaporto), operazione non complessa ma di certo meno immediata di edmodo. A questo punto si aprirà letteralmente l’intero ecosistema google. Inutile dire che per (quasi) ogni servizio dell’ecosistema è presente una app dedicata.

Pro

  • Interfaccia a tutti (o quasi) familiare
  • Facilità di utilizzo di quasi tutti gli strumenti (tolti alcuni di natura prettamente amministrativa)
  • Funzionamento pressochè perfetto in ogni dispositivo (fisso, mobile, windows, mac, linux, G Suite lavora su browser)
  • Spazio di archiviazione illimitato (nessun altro competitor almeno lo offre, nemmeno microsoft)
  • Numero di utenze potenzialmente illimitato (e si fa presto in una scuola medio grande ad arrivare a 1000/2000 indicizzando tutti gli studenti)
  • Strumenti di amministrazione potenti, flessibili e discretamente semplici da usare
  • Configurazione avanzata degli accessi (mac address, etc.)
  • Classroom (app per la didattica) essenziale ma facile da usare
  • Espandibilità dei servizi grazie a chrome web store

Contro

  • Tranne classroom pochi sono gli strumenti che nascono specificatamente per la didattica (youtube è utilissimo ma non nasce per fare scuola!)
  • Occorre farsi creare un account (gmail) per accedere all’ecosistema
  • Per gli amministratori (poco esperti) all’inizio il pannello di controllo può apparire dispersivo

Da considerare

  • Se si vuole “installare” Google Suite nel dominio della propria scuola occorre comunicare a google i record mx; il consiglio è tenere il dominio della scuola (es. www.istituto.it) e dedicarne uno a google suite comprando un dominio a parte (es www.istituto.eu)
  • Serve necessariamente un amministratore per creare le utenze non appena avuto il nulla osta di google (utenze che possono però essere facilmente importate tramite file excel opportunamente formattati)

We School

We School è invece una piattaforma italiana, nata dalla grande esperienza di oilproject (e partecipata da Telecom Italia), che ad oggi offre una delle migliori esperienze didattiche per quanto riguarda i sistemi di apprendimento. Dalla grafica semplice e chiara è riuscita in poco tempo a guadagnarsi un posto nel panorama delle scuole italiane (accanto a competitor molto agguerriti come appunto edmodo, g suite e microsoft office 365). Non richiede, come g suite, una autorizzazione della scuola ma qualunque docente in pochi minuti può attivarla e dare i codici di accesso agli studenti per una esperienza facile e immediata. Dispone di un certo numero di funzionalità avanzate decisamente utili per la didattica (molte più di edmodo, meno di g suite ma più focalizzate sull’insegnamento apprendimento). Dispone da poco di una app essenziale, priva di pubblicità e ben realizzata.

Pro

  • Immediata, semplice da capire e da usare
  • Disponibile anche in mobilità tramite app
  • Ottima gamma di servizi pensati per la didattica (quiz, verifiche, etc.)
  • Compatibile per l’embedding (inserimento) di numerosi formati molto diffusi tra i docenti (google presentazioni, file word, etc.)
  • Funzionalità “registro” molto utile per uno sguardo di insieme delle attività svolte con gli alunni

Contro

  • Sistema di notifiche piuttosto rudimentale (non si può essere notificati in un corso per certi eventi e in un altro di altri, le notifiche in altre parole sono al momento indifferenziate)
  • Possibilità di ricerca nella board poco funzionale (diviene utile quando iniziamo ad avere molti documenti all’interno)

Da considerare

  • Ogni docente può iscriversi senza il supporto di un amministratore e creare le sue classi
  • Se si hanno molte classi può divenire caotica la gestione delle notifiche e della ricerca dei materiali
  • Sarebbe utile la funzionalità di “archivio” (non eliminazione) di una classe

Conclusioni

Decretare quale piattaforma sia la migliore non è facile perchè ogni contesto ed ogni docente ha le sue esigenze. Indubbiamente Google Suite fornisce una serie di servizi infinitamente più ampia delle altre, ma moltissimi di essi non verranno mai (o quasi) usati per la didattica. Allo stesso modo l’immediatezza di Edmodo è difficilmente raggiungibile dalle altre due piattaforme e le funzionalità specificamente didattiche (specie in ambito esercizi e test) di We School ci appaiono decisamente centrate.

Il nostro consiglio, se la vostra scuola non ha ancora una piattaforma, è iniziare con una tra edmodo e we school (da evitare il caos per cui ogni docente scelga la propria, in tal modo per gli studenti diviene molto dispersivo seguire ciascuno in un ambiente diverso). Poi valutare se le funzionalità aggiuntive di google possano essere per noi utili.

In questo articolo sono rimaste fuori altre due grandi opzioni: Fidenia e Microsoft Office 365, il motivo è semplice: non si voleva mettere troppa carne al fuoco e ingenerare una possibile confusione tra coloro che ancora non conoscono l’argomento.

Piattaforme e Formazione

Si ricorda infine che è possibile organizzare corsi di formazione e workshop dimostrativi delle piattaforme illustrate. Per maggiori informazioni info@designdidattico.com

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

 

 

Bentornata Lim! Corsi di formazione su Lim 2.0. Progettare ed Apprendere con la Lim!

Bentornata Lavagna Interattiva Multimediale! Dopo anni di silenzio ecco tornare a nuova vita le nostre care vecchie Lim! Perchè? Semplice: grazie agli strumenti messi a disposizione gratuitamente dal web (tecnicamente web app!) le Lim possono tornare ad essere un formidabile strumento didattico. Uno dei loro limiti infatti è sempre stato il software proprietario (le cui licenze scadevano oppure non erano compatibili coi nuovi sistemi operativi). Ora il problema non esiste più, tutte le app più interessanti infatti sono gratuite e disponibili via browser, anche per le lim più datate!

Cosa è possibile fare? Ecco una serie di esempi:

  • Creare immagini interattive
  • Allestire giochi didattici
  • Strutturare mappe geografiche
  • Raccontare storie con il digital storytelling
  • Creare video didattici
  • …e molto altro!

Si organizzano dunque corsi di formazione e workshop per tornare a scoprire il potenziale didattico della Lim!

 

Informazioni:

Prerequisiti: connessione a internet e navigazione web

Logistica: aula con lim e connessione internet

Tempi: consigliati almeno 3 incontri da 3h. Ogni incontro illustra un argomento quindi è possibile organizzare da 3 a 5/6 incontri

Costi: equiparati ai compensi pon

Argomenti: da concordare con la scuola in base agli obiettivi e al ptof

Ordine di scuola: tutti, con particolare riferimento per infanzia e primaria

 

Per maggiori informazioni: info@designdidattico.com

 

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

 

Corso sul Digital Storytelling aperto a tutti. Castiglione del Lago (PG) Febbraio-Marzo 2019

A partire da Febbraio 2019  si terrà a Castiglione del Lago presso Direzione Didattica F. Rasetti in via Carducci 25 il secondo corso di formazione sullo Storytelling, dal titolo “Imparare con le Storie”.

Il corso è aperto a tutti, iscrizioni tramite il seguente Google Form:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScJXAZeaBb9OhFP_o45ZSnw0W05Awx1NBUSMeVAS35Sm-h1xw/viewform

Numero Riferimento SOFIA  37460

Il corso ha l’obiettivo di illustrare in particolare:

  • La narrazione del territorio mediante storytelling
  • La trasformazione di immagini statiche in immagini dinamiche
  • La creazione di storie, statiche ed animate, mediante strumenti online

L’approccio sarà totalmente laboratoriale, durante gli incontri infatti verranno costruite delle storie da riutilizzare in aula.

Il corso avrà una durata di 15h divise in 5 incontri da 3h ciascuno (16.30-19.30).

Non sono richieste specifiche competenze informatiche.

Il percorso formativo sarà certificato.

Il corso sarà tenuto da Emiliano Onori.

Per informazioni info@designdidattico.com

 

 

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

Corso sul Digital Storytelling a Castiglione del Lago (PG) Febbraio – Marzo 2019

Category : Corsi · No Comments · by Gen 31st, 2019

A partire da Febbraio 2019  si terrà a Castiglione del Lago presso Direzione Didattica F. Rasetti in via Carducci 25 il secondo corso di formazione sullo Storytelling, dal titolo “Imparare con le Storie”.

Il corso ha l’obiettivo di illustrare in particolare:

  • La narrazione del territorio mediante storytelling
  • La trasformazione di immagini statiche in immagini dinamiche
  • La creazione di storie, statiche ed animate, mediante strumenti online

L’approccio sarà totalmente laboratoriale, durante gli incontri infatti verranno costruite delle storie da riutilizzare in aula.

Il corso avrà una durata di 15h divise in 5 incontri da 3h ciascuno (16.30-19.30).

Non sono richieste specifiche competenze informatiche.

Il percorso formativo sarà certificato.

Il corso sarà tenuto da Emiliano Onori.

Per informazioni info@designdidattico.com

 

 

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

Clip Promo Corso Storytelling: Breve Storia dello Storytelling

Con questo video iniziamo la serie di Clip Promo dedicate allo Storytelling Didattico, in particolare al corso, tenuto da Emiliano Onori ed erogato da Wikiscuola (qui i dettagli per iscriversi). Il corso, certificato miur, conta oltre 40 video tutorial suddivisi per moduli:

  • modulo 1: introduzione
  • modulo 2: l’idea e il progetto
  • modulo 3: la realizzazione e gli strumenti operativi
  • modulo 4: la valutazione
  • modulo 5: approfondimenti

Oltre ai moduli sono presenti forum tematici e un servizio di assistenza via mail. I video hanno una durata variabile (da 8 a 20 minuti). Il seguente è solo, per così dire, un “assaggio”. Buona visione!

 

Emiliano Onori (docente e formatore)

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico
t.me/storytellingdidattico

Brevi Video Clip Promo del Corso sullo Storytelling Digitale

A breve nel canale youtube di DesignDidattico (raggiungibile qui) e nelle pagine social di Facebook, Twitter, Telegram e Google Plus saranno pubblicati brevi video clip promo del Corso di Formazione Online tenuto da Emiliano Onori per Wikiscuola sullo Storytelling Didattico (qui tutte le informazioni per iscriversi)

Sarà un modo per venire a contatto con gli oltre 40 video tutti originali realizzati per il corso che, come tutti quelli di Wikiscuola, è certificato miur e pagabile con Carta Docente.

Questo stesso corso è anche realizzabile in presenza presso tutte le scuole!

 

Emiliano Onori (docente e formatore)

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico
instagram.com/designdidattico
t.me/storytellingdidattico

 

Workshop Didattico e Tenico su “Google Suite for Education”

Category : Corsi · No Comments · by Gen 13th, 2019

google-suite

Si organizzano Workshop Didattici e Tecnici sulla Google Suite for Education. Sempre più scuole stanno installando le Google Suite (ex Google Apps) for Education che, si ricorda, sono un servizio completamente gratuito messo a disposizione da Google per il settore Education. Tuttavia la configurazione iniziale spesso crea qualche difficoltà al personale tecnico che ha lo scopo di configurare i vari servizi. Per questo motivo si organizzano workshop che illustrino tanto il lato “didattico” delle Google Suite, vale a dire tutte le potenzialità in termini di insegnamento ed apprendimento disponibili grazie ai servizi Google, tanto il fronte “tecnico”, ossia quella parte riservata agli amministratori che avranno il compito di configurare in pochi passaggi tutto l’ecosistema Google. Di seguito alcuni possibili argomenti:

Lato Didattico:

  • Google Classroom (unico servizio non presente in un normale account gmail) che permette a docenti ed alunni di strutturare le  consegne direttamente online
  • Drive per la messa in condivisione dei contenuti
  • Youtube per la realizzazione ed eventuale condivisione di video prodotti dagli alunni (ideale per Flipped Classroom)
  • Calendar per fissare tutte le scadenze ed averle sempre sincronizzate nel proprio smartphone
  • Presentazioni e Documenti per realizzare documenti in cloud
  • Google Plus per mettere a disposizione degli alunni una sitografia di riferimento (utile per la Content Curation)
  • Gmail per la tradizionale comunicazione docente-alunno, docente-docente, alunno-alunno, segreteria-docenti, segreteria-alunni

Lato Tecnico

  • Configurazione iniziale tramite opportuna scelta di hosting (aruba o simili)
  • Configurazione account su smartphone/tablet e redirect mail personale su mail google apps
  • Indicizzazione automatica degli utenti (docenti, alunni, ata)
  • Creazione Organizzazione Utenti per suddividere permessi all’interno del sistema (ed inibire, ad esempio, l’uso di alcuni servizi come Youtube o altri)
  • Creazione di Gruppi e Alias per facilitare la comunicazione a gruppi di utenti
  • Report delle attività sospette
  • Attivazione (ed eventuale disattivazione degli account da smartphone e tablet)

Di seguito altre informazioni di natura organizzativa:

Durata: consigliate 8h per un approccio essenziale, ideali 12 o 16h per una gestione completa di ogni servizio

Strumenti: necessaria solo connessione ad internet ed un laboratorio con videoproiettore

Partecipanti: il workshop è rivolto principalmante ad Animatori Digitali, Team Innovazione, Tecnici di Laboratorio

Competenze richieste: un competenza media nell’uso di strumenti come mail, cloud, piattaforme, registro elettronico

Periodi: i workshop possono essere organizzati in qualunque periodo dell’anno.

Costi: i costi sono equiparati ai corsi PON

Formatore: Emiliano Onori Google Certified Educator

Per maggiori informazioni scrivere a info@designdidattico.com

Emiliano Onori

designdidattico.com
info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico

 

Insegnare ed Imparare con le storie. Corsi di Digital Storytelling per Infanzia e Primaria

Come trasformare le storie per i bimbi in narrazioni digitali?

Come sviluppare la creatività dei più piccoli a partire da immagini online?

E come tenere traccia dei numerosi disegni e cartelloni che tutti i giorni si realizzano a scuola?

 

A queste e ad altre domande è possibile rispondere mediante il digital storytelling. Di che si tratta? Il digital storytelling è una metodologia didattica che vuole insegnare tramite la narrazione e tramite le storie. Se ci pensiamo, infatti, le storie sono state le nostre prime risorse educative. Abbiamo imparato l’alfabeto con le storie, abbiamo appreso i numeri tramite personaggi e filastrocche e abbiamo noi stessi insegnato attraverso le narrazioni.

Con semplici e gratuiti strumenti online è possibile creare da zero storie interattive oppure trasformare le nostre storie (e, perchè no, anche i disegni su carta dei nostri bimbi) in storie digitali, da consultare online oppure da scaricare per una lettura offline.

A tale scopo si organizzano corsi espressamente ritagliati sulle esigenze dello storytelling per la scuola dell’infanzia e primaria.

DURATA: 25h da strutturarsi in 12/14/16h frontali, 6h di approfondimento personale con materiali forniti, 6h di ricerca/azione in classe e documentazione delle attività. Il numero di ore può comunque essere variato in accordo con la Scuola o Rete di Ambito secondo le specifiche esigenze.

PERIODO: da gennaio 2019

ARTICOLAZIONE: modalità “workshop” intensivo in 2gg oppure modalità “corso” con incontri settimanali e/o mensili

SEDE: quella indicata dalla Rete di Ambito.

ARGOMENTI: lo storytelling come metodologia didattica attiva; creare storie a partire da immagini; creare storie a partire da trame; creare storie animate; documentare (in digitale) le storie su carta; documentare tutto il processo didattico mediante siti ad hoc; caricare i lavori in piattaforme online protette studiate appositamente per i più piccoli.

LOGISTICA: è richiesta un’aula con connessione ad internet e proiettore

PARTECIPANTI: data la modalità laboratoriale si consiglia un numero massimo di 20/25 corsisti.

 

INFO E CONTATTI

Emiliano Onori (docente e formatore)

designdidattico.com

info@designdidattico.com
facebook.com/DesignDidattico
twitter.com/Designdidattico
telegram.me/designdidattico